monaco-buddista-amica-tigre-paura

Senigallia (AN), “Sciogliere i nodi della paura” – Seminario esperienziale il 18 gennaio 2019

Venerdì 18 gennaio 2019 alle ore 14h 

Fear knots

“Un uccello appollaiato su un albero non ha mai paura della rottura del ramo, perché la sua fiducia non è nel ramo, ma nelle sue stesse ali
La paura è un sentimento intrinseco dell’essere umano, è presente dalla nascita fino al giorno della nostra morte.
È uno degli strumenti di manipolazione più potenti che esistono e allo stesso tempo il più vecchio che abbiamo
Nel regno animale, la paura può essere una sensazione di aiuto, perché, con essa, gli animali sanno dove hanno i loro limiti e delimitano il pericolo, rinforzano l’istinto di sopravvivenza.
Nell’uomo molte volte, la mancanza di amore per sè stessi, fa sì che la paura prenda dimensioni incontrollate, perché la paura viene dal cuore, dalla mancanza di fiducia in noi stessi.
La paura del futuro ci porta a ritornare al passato e ci impedisce di vivere nel presente.
La paura è una sensazione molto salutare ed è necessario delimitarla. La paura giusta, la paura vera, è una barriera di sicurezza che però ci chiarisce fino a dove possiamo arrivare, fino a dove sentiamo la forza sufficiente per agire. Se non la superiamo rischia di convertirsi in una rete di pensieri che ci paralizza e ci porta a soffrire, ad avere crisi d’ansia, angosce e stress che sono sempre conseguenze della paura.
La più grande paura è la paura del cambiamento che rallenta così  la nostra crescita, come il freno a mano tirato rallenta il movimento della macchina.
Perché cambiare? Non è così brutto quello che vivo, ho paura di qualcosa di meglio?

Un altro tipo di paura è quello di perdere l’affetto degli altri, ma se le persone ti amano davvero, ti amano per quello che sei e il cambiamento in positivo può solo giovare perchè ti porta a riscoprire il meglio di te.
Il lavoro proposto nel workshop ci aiuterà, attraverso semplici tecniche, a vivere il presente; annulliamo i nodi che legano la nostra anima e ci tengono prigionieri in vecchi comportamenti, che forse sono troppo obsoleti per noi che vogliamo andare avanti. Poiché la paura ci lega a vecchi modi di essere, che non corrispondono più a ciò che siamo oggi, l’unica soluzione è di radicarsi nel presente.
Platone dice “possiamo facilmente perdonare un bambino che ha paura del buio, la vera tragedia della vita è quando gli uomini hanno paura della Luce”, e davvero ciò che più abbonda negli adulti è la paura della luce stessa, la paura di diventare ciò che potremmo essere realmente.

Bernard Rouch

Nasce a Montpellier, Francia nel 1968. Ha conosciuto fin dalla primissima infanzia la filosofia spirituale indiana, trascorrendo molti periodi in monasteri tibetani. Fin dall’adolescenza ha sviluppato una grande sensibilità nell’approccio dei corpi sottili e delle realtà di tipo energetico e metafisico, frequentando il gruppo originale che ha riscoperto le Terapie Egizio-Essene. Ha completato i suoi studi conseguendo una laurea in Ingegneria presso l’Institut National des Sciences Appliquées di Tolosa e un Master all’Ecole Nationale Supérieure des Télécommunications di Parigi. Dal 1993 insegna a gruppi di allievi sempre più numerosi in varie città italiane e all’estero, in Francia, in Spagna e in Québec (Canada).

Per informazioni si prega di contattare:
Marco Pasquinelli
Cellulare: 3385049076 
Email: [email protected]
Luogo: Hotel Mastai, Via Nicola Abbagnano, 12, 60019 Senigallia AN
Data: 18 gennaio 2019
Orario: 14:00 
Costo:  € 50

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.